Pulire correttamente una padella in ghisa è indispensabile per ricreare un trattamento antiaderente e prevenire la ruggine. Con la giusta attenzione, la tua pentola in ghisa migliorerà col tempo e l’uso, diventando la regina della tua cucina.

Ecco quindi 10 cose da fare per pulire una padella in ghisa.

Lava la pentola con acqua calda

Il primo passo da fare pre pulire una padella in ghisa è quello di lavare la pentola con acqua calda.

Procurati una spugna, olio di gomito, e lava la tua padella come faresti normalmente dopo l’utilizzo. Ricordati di usare solo acqua calda e non anche detergenti.

Porta dell’acqua ad ebollizione nella pentola

Dopo aver lavato la pentola di ghisa, asciugala completamente con un canovaccio, e riempila (non fino all’orlo) di acqua.

Accendi il il fornello del gas (o sul piano cottura a induzione), posa la tua pentola di ghisa con l’acqua sul fornello e porta ad ebollizione.
Lascia che l’acqua bolla per diversi minuti, in modo da dissolvere gli avanzi di cibo.

Gratta il fondo e i bordi per i residui più resistenti

Con l’aiuto di una spatola larga, mentre l’acqua bolle, gratta leggermente il fondo e i lati della padella in ghisa così da rimuovere anche le incrostazioni più resistenti.

Fallo mentre l’acqua bolle, ma solo per qualche minuto. Un contatto eccessivo con altri strumenti di metallo può rovinare il rivestimento della pentola.

Butta l’acqua sporca

Con l’aiuto di un filtro, o di un colino, butta l’acqua sporca nel lavandino.

L’uso del colino ti aiuterà a trattenere i residui di cibo così da non farli depositare nelle tubature del lavandino.
Ricorda poi di buttare le i residui del cibo all’interno dei rifiuti “umido”. Riciclare correttamente è indispensabile per il nostro pianeta.

Stai molto attento quando sposti la padella piena d’acqua. Dato che la ghisa è un ottimo conduttore di calore, anche il manico, come tutto il resto della pentola, sarà caldissimo. Usa un canovaccio o dei guanti da forno per afferrarla.

Utilizza dei tovaglioli di carta

Inumidisci dei tovaglioli di carta e ripulisci correttamente la padella in ghisa dai residui di acqua e cibo.

Utilizza poi dei tovaglioli asciutti così da asciugare perfettamente la padella.

Olio e condizionatore per ghisa

E’ il momento del trattamento. Applica un sottile strato di grasso, come un olio e condizionatore per ghisa acquistabile comodamente su Amazon.

Aiutati con della carta da cucina per uniformare lo strato di olio sia sui bordi che sul fondo. Questa operazione dovrebbe rendere lucido e liscio l’interno della pentola.

Conserva la pentola in un luogo asciutto

Conserva la pentola in un luogo asciutto e freddo, coprila con dei fogli di carta da cucina invece che con un coperchio, per evitare che si formi dell’umidità.

Evita saponi e detergenti

I saponi ed i detergenti sono ottimi per pulire la maggior parte delle tue pentole e dei tuoi elettrodomestici, ma devi evitarli con gli strumenti in ghisa. I solfuri presenti nella maggior parte dei prodotti di pulizia dissolvono l’olio del trattamento di superficie e lo rovinano, lasciando la padella esposta e vulnerabile già dal primo giorno di utilizzo.

Non lavare in lavastoviglie

Per le stesse motivazioni richiamate nel punto precedente, non dovreste lavare la vostra pentola in ghisa in lavastoviglie. Il sapone usato avrebbe lo stesso risultato dei detergenti per lavare a mano.

Il lavaggio in lavastoviglie rovina il trattamento e promuove la formazione di ruggine.

Non usare la lana di acciaio

In ultimo ma non per importanza, non utilizzare la lana di acciaio (comunemente chiamata retina). E’ effettivamente utile per rimuovere le incrostazioni di cibo, ma rovina il trattamento di superficie e ti obbliga a ricominciare da capo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here